• Italian
  • English
  • French
  • German
 Richiedi PREVENTIVO!
Digita i caratteri visualizzati nell'immagine qui sotto a destra nel box di sinistra:
Visual CAPTCHA
17

Domus del Chirurgo

Era il 1989. Un angolo di verde nel cuore di Rimini, un giardino in via di rifacimento; un albero instabile all'ombra dell'antico palazzo Gambalunga oggi sede della biblioteca civica, e della chiesa di San Francesco Saverio, le radici appoggiate sui resti di un bellissimo mosaico...
Queste le premesse: quanto basta per dare inizio ad una serie di sondaggi stratigrafici, poi agli scavi. Quel che venne alla luce fu, imprevedibilmente, una domus del II° secolo d.C., residenza di un certo “Eutyches homo bonus”, frase riportata in un graffito inciso sulla parete, presumibilmente lasciato da un paziente.

Eutyches fu infatti un medico di cultura greca. Un'intera domus romana, un tempo affacciata sul mare oggi arretrato a circa un chilometro di distanza, racconta coi suoi arredi e i suoi oggetti i connotati culturali di un uomo colto e raffinato dallo spiccato gusto orientale, come testimoniano mosaici e decorazioni; probabilmente di orientamento epicureo, tanto da esporre in giardino una statua di Ermarco (di cui ci resta un piede in terracotta), filosofo e discepolo di Epicuro.

Ma il reperto più eccezionale è indubbiamente la collezione di strumenti chirurgici e farmacologici di epoca romana, in gran parte destinati ad interventi su traumi ossei e ferite di guerra, in assoluto la più ricca e completa a noi pervenuta.  

Consultate le schede degli hotel di Rimini più vicini, per una vacanza al mare diversa.

Informativa del sito RiminiWeb.net - Nota Legale