• Italian
  • English
  • French
  • German
 Richiedi PREVENTIVO!
Digita i caratteri visualizzati nell'immagine qui sotto a destra nel box di sinistra:
Visual CAPTCHA

Museo Radio d'Epoca a Bellaria

Tecnologia fondamentale per tutto ciò che ha riguardato lo sviluppo di mezzi di comunicazione più moderni, la radio ha fatto la storia nei secoli passati

prendendo ora forma nel Museo Radio d'Epoca di Bellaria.

Facilmente raggiungibile per tutti coloro che hanno un ristoro negli Hotel di Bellaria, trovandosi nello Spazio Mostre nel Piazzale Gramsci.

La Radio ha una storia particolare e particolare è anche l'importanza che ha assunto negli anni precedenti permettendo la creazione delle moderne tecnologie che

comunemente oggi noi utilizziamo.

Facciamo un salto indietro al lontano 1857 quando Eduard Scott inventò un apparecchio che non riproduceva suoni ma era in grado di trascrivere graficamente tutte

le onde sonore che gli giungevano.

Raffinato da Edison nel 1877, si arrivò alla registrazione di accordi commerciali.

Nacque da qui il primo Dictaphone.

Modificato da Berliner con la sostituzione del cilindro in disco, fu introdotto nel 1892 il grammofono. I famosi dischi furono poi gli antenati dei tanti dischi in

vinile che fecero per anni la storia della musica.

Le prime radio erano indubbiamente oggetti molto diversi da ciò che conosciamo noi oggi, con strutture e design ampie e poco curati, raffinati poi a partire dai

primi anni 20 dalla forma di cassetta ai primi soprammobili e consolle.

Il Museo Radio d'Epoca ospita oggi oltre 143 esempi di radio che spaziano da metà degli anni Venti fino ad arrivare alla fine degli anni Trenta.

Con ingresso libero e aperto in orario serale dalle ore 20:30 alle 23:00, una persona sarà sempre a disposizione per poter dare informazioni e aneddoti più

specifici su particolari esemplari come ad esempio la Radio Marelli del 1929, Crosly del 1930 o grammofoni del 1940.

Informativa del sito RiminiWeb.net - Nota Legale